me shendet calabria

Me Shёndet: il corto che racconta la Calabria della resistenza e dell’accoglienza

Me Shёndet (Con Salute) è il titolo del nuovo cortometraggio nato dalla collaborazione tra Davide Imbrogno e Marco Caputo che con questo short film, il quarto realizzato insieme e promosso dal comune di San Benedetto Ullano, ci raccontano una storia di profondo attaccamento alle proprie radici.

San Benedetto Ullano è un piccolo comune in provincia di Cosenza che si estende ai piedi del colle S.Elia, in cui da secoli si intrecciano le tradizioni degli abitanti del posto e della comunità arbёreshё che lì ha messo radici. E il protagonista del racconto di Imbrogno e Caputo è proprio ShёnBendhiti, luogo che accoglie e protegge e in cui cultura calabrese e tradizioni greco-bizantine coesistono e si mescolano senza mai perdere la propria identità.

Noi di NONMagazine abbiamo avuto l’occasione di parlare con il regista e sceneggiatore Davide Imbrogno per sapere da dove sia scaturita la volontà di raccontare questo legame con una tale urgenza comunicativa.

“L’idea del corto è nata in realtà da una proposta del comune di San Bendetto Ullano, luogo in cui sono nato e a cui sono sempre rimasto legato oltre la lontananza. Il mondo di San Benedetto l’avevo già raccontato qualche anno prima in un mio romanzo, ma il bello di questa esperienza è stato proprio poter vedere materializzarsi visivamente le cose che avevo scritto”.

Me Shёndet nasce infatti come progetto di marketing e di promozione del territorio, un’operazione che diventa vera e propria esperienza cinematografica grazie all’occhio sapiente, dietro la macchina da presa, di chi quei luoghi li conosce e li rispetta da sempre. Oltre a lavorare in collaborazione con Caputo come regista, Imbrogno si occupa interamente della sceneggiatura, in cui ritornano i temi di sogno, resistenza, origini e amore.

“I paesi arbёreshё sono luoghi che resistono da 500 anni, dove sopravvivono tradizioni secolari e una lingua antichissima. Questi mondi conservano una propria identità ben precisa, che non hanno perso con il tempo. L’idea è quella di raccontare un posto che conserva tradizioni e folklore, ma soprattutto narrare la Resistenza di un luogo contro lo scorrere del tempo”.

Resistenza che non si configura soltanto come permanenza della memoria, ma anche come vero e proprio gesto rivoluzionario, contro ogni forma di divisione:

“Questi luoghi dell’Arbёria accolgono da sempre, e forse la loro più grande forma di resistenza è proprio la volontà di accogliere. È qualcosa su cui abbiamo voluto premere molto, volevamo far emergere il sentimento di apertura e tolleranza che caratterizza San Benedetto, punto di transito e incontro di popoli da secoli”.

Me Shёndet riesce a trasmettere con grande efficacia e potenza visiva un messaggio forte: quanto sia importante rispettare e conoscere le proprie radici e contemporaneamente aprirsi all’altro.

Alla nostra domanda su quale consiglio darebbe a giovani aspiranti cineasti calabresi, Imbrogno risponde così prima di salutarci:

“Bisogna scrivere di ciò che si conosce. Io ho sempre fatto così, mi guardo intorno ed esploro, scopro, e poi scrivo di ciò che so. Sono una persona che non ama dare consigli, ma in questo caso mi sento di dire che è proprio questo il mio consiglio: osservare e guardarsi intorno, e conoscere la propria terra. Spesso i primi diffidenti verso la Calabria siamo proprio noi abitanti. Perché inventarsi una storia su altri mondi quando abbiamo tanto da raccontare?”

(Potete vedere il link del corto cliccando qui)

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn